Facciamolo già! Recensione del Manga Volume 1 – Recensione

Ah, l’amore al liceo – quando alcuni adolescenti iniziano a navigare nelle acque delle relazioni e delle loro componenti fisiche, desiderosi di imparare cosa possono fare i loro corpi e di farlo con le persone per cui sono innamorati. Ci sono banchi e squali in quelle acque ma per la maggior parte degli adolescenti manga, non sono nulla che non possa essere sconfitto con il Potere del Vero Amore™. Oppure… possono? Questo è ciò che Yuri si ritrova a chiedersi mentre intraprende la sua prima relazione, perché nulla nel panorama della sua cultura pop l’ha preparata ad affrontare un ragazzo la cui famiglia è dotata di una serie di regole rigide che si impegna a seguire.

Questo è il nocciolo della trama Aki Kusaka‘S shoujo commedia romantica Facciamolo già!. La storia segue due studenti delle scuole superiori in scuole monosessuali mentre intraprendono la loro nascente storia d’amore. La ragazza è Yuri, una giovane donna piuttosto stravagante ma profondamente romantica che rimane affascinata da un ragazzo che vede ogni mattina sul treno per andare a scuola. Si scopre essere Keiichiro, uno studente dell’antistante (e molto più prestigiosa) scuola maschile, e il sentimento è reciproco. Mentre si osservano e parlano tra loro, si rendono conto che nessuno dei due è esattamente come pubblicizzano gli stereotipi scolastici. Le cose sembrano andare bene, con il volume che si apre sulla loro reciproca confessione e poi viene rivelato l’unico neo: Keiichiro è figlio di una famiglia con due generazioni di potenti politici, e ci si aspetta che si comporti in un certo modo. …un modo che significa “non toccare le ragazze” fino ai diciotto anni.

Per far funzionare questa premessa, i personaggi sono versioni di se stessi più esagerate di quanto potremmo vedere in un’altra storia. Keiichiro è serio fino all’eccesso, stipula contratti per gestire la sua vita e per risolvere i problemi con la sua famiglia; a un certo punto deve scrivere una richiesta per ottenere un cellulare e inventare Appena la frase giusta per far sì che la “contabilità” approvi la sua richiesta. Yuri è dipinto come se andasse un po’ oltre il «traballante» fino al confine tra quello e «non intelligente»; a un certo punto non è sicuro di cosa sia un primo ministro. Questo contrasto tra loro due è impostato per renderlo più una sorta di romanticismo che attrae gli opposti, ma a volte va troppo oltre e vira dal divertente al quasi meschino, in particolare per quanto riguarda Yuri. In una certa misura, Kusaka sembra giocare con i cliché sulle ragazze che si schiariscono i capelli, mentre Keiichiro è un’esagerazione del cliché megane-kun. Non sorprende quando Kusaka menziona che questa è la sua prima serie perché è chiaro che le cose avrebbero bisogno di un po’ più di lucidatura per farle brillare.

È importante notare che, nonostante il modo in cui le copertine inquadrano le cose, Keiichiro vuole portare avanti le cose tanto quanto Yuri. È a disagio con i suoi abbracci spontanei e i tentativi di baciarlo, ma è perché è consapevole delle conseguenze per se stesso. Ha chiaramente almeno un po’ paura di essere allontanato dalla sua sfera se la sua famiglia scopre cosa sta succedendo, cosa che si rivela una preoccupazione molto valida alla fine del volume. Non sta respingendo la sua ragazza perché è un idiota; sta cercando attivamente di trovare modi per aggirare i precetti della famiglia per migliorare le cose per loro. Che si tratti di individuare i punti ciechi nell’auto di famiglia pesantemente monitorata o di trovare scuse per i suoi onnipresenti dettagli di sicurezza (una delle migliori gag è che ne ha due: una per quando si comporta bene e una per quando non lo è), è determinato per assicurarsi che lui e Yuri possano stare insieme nel modo che entrambi desiderano. Niente lo dimostra come quando torna a guardare quando le regole furono scritte per la prima volta, il che gli offre un po’ di margine di manovra in base alle differenze tra il modo in cui l’età veniva conteggiata nell’era Meiji rispetto a come viene misurata nell’era Reiwa e mostra che ha una mente legale brillante.

La traduzione inglese fa un ottimo lavoro nel mostrare le differenze nel modo in cui Yuri e Keiichiro parlano e nel consentire ai lettori di sottolineare le loro diverse classi sociali, ma in un modo che non risulti aggressivo o irritante. C’è la sensazione che entrambi vogliano avvicinarsi l’uno all’altro in modi più che semplicemente fisici, e i loro schemi linguistici aiutano a delinearlo. La grafica è molto attraente, anche se un po’ pesante sui toni dello schermo; ha più l’aspetto interno di a LaLa titolo di uno da Margherita, che non è un marchio di qualità, solo un’osservazione. Anche se le pagine sono occupate, sono comunque facili da leggere, e sembra che quando arriveremo al volume nove (il finale), avremo visto Kusaka migliorare la sua arte perché possiamo persino iniziare a vederlo proprio in questo libro.

Facciamolo già!Il primo volume è schiumoso. C’è una storia chiara con alcune interessanti implicazioni emotive sottostanti perché Keiichiro sta iniziando a irritarsi per le restrizioni della sua famiglia, ma sembra comunque una storia birichina. shoujo romanticismo, completo di potenziale rivale senza possibilità che si presenta nelle ultime pagine del libro. È meno una commedia sexy di quanto suggerisca la sua copia, ma è comunque una lettura divertente se sei un fan del genere.